Promuovere l'empowerment economico e sociale delle donne vulnerabili in Libano, Giordania ed Egitto

SETTORE D’INTERVENTO: Empowerment di genere, Sviluppo socioeconomico, Microcredito


AREA GEOGRAFICA: MENA (Middle East & North Africa)

BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Il progetto intende contribuire al miglioramento delle condizioni di vita delle donne e ragazze rifugiate siriane e delle donne e ragazze ad alto rischio di marginalità e fragilità sociale appartenenti alle comunità ospitanti in Egitto, Giordania e Libano. A tal fine le beneficiarie vengono dotate, per mezzo di attività di formazione specializzata, di strumenti per intraprendere un percorso di empowerment ed emancipazione economico-sociale attraverso il supporto e la creazione di concrete opportunità di lavoro e creazione di reddito nel medio-lungo periodo e, nel caso delle donne siriane, di strumenti per facilitare la loro partecipazione alla fase di ricostruzione della Siria.

OBIETTIVI: ● Promuovere l’empowerment sociale ed economico della popolazione femminile rifugiata siriana e delle donne e ragazze in condizioni di vulnerabilità appartenenti alle comunità ospitanti, mediante azioni che favoriscano la creazione di reddito e forme associative sostenibili nel medio-lungo periodo. Sostenere la creazione di piccole/medie imprese sociali e/o cooperative femminili.  Fornire alle donne siriane rifugiate competenze spendibili nel Paese ospitante ma utili anche in prospettiva di un ritorno in SiriaRafforzare l’autonomia delle donne, tramite un approccio di genere che promuova pari opportunità e relazioni di genere positive e sostenibili.

ATTIVITÀ:

  • Intraprendere attività di formazione per avvio e gestione di microimprese e per l’utilizzo del microcredito.
  • Organizzare percorsi formativi per rendere più competitivi i prodotti sul mercato.
  • Definire percorsi informativi-formativi sulle tematiche dei diritti sul lavoro, delle buone pratiche in tema di lavoro/autoimprenditorialità, del dialogo sociale.
  • Implementare un servizio di tutoraggio per seguire le donne nella formulazione e realizzazione dei loro progetti e per facilitare la condivisione di esperienze e fornire supporto reciproco.
  • Definire strumenti e strategie per l’accesso a servizi e prodotti finanziari rispondenti alle esigenze delle beneficiarie: erogazione di crediti (Egitto), prestiti (Giordania) e fondi di dotazione/attrezzature/materiali (Libano, Giordania ed Egitto).
  • Organizzare sessioni di sensibilizzazione-promozione sui temi legati alla regolamentazione dei permessi di lavoro.
  • Percorsi di consulenza legale alle rifugiate per l’ottenimento della documentazione necessaria per poter accedere ad un regolare permesso di lavoro.

RISULTATI:

  • Miglioramento della situazione socio-economica delle donne rifugiate siriane e di quelle in condizioni di vulnerabilità nelle zone di intervento nei tre Paesi beneficiari.
  • Diminuzione del numero di famiglie che vivono in povertà.
  • Diminuzione del tasso di disoccupazione nelle aree coinvolte.
  • Creazione di attività guidate da donne vulnerabili e rafforzamento delle attività esistenti.
  • Aumento del numero di donne in grado di accedere a fonti di reddito.

PARTNERSHIP: Capofila: ARCS - Arci Culture Solidali. Partner: Caritas Egitto, Mada Association, Noor al-Hussein Foundation (NHF), ARDD-Legal Aid, Un Ponte Per… (UPP), Associazione Italiana Donne per lo Sviluppo (AIDOS), Ricerca e Cooperazione (RC), Progetto Sud.

PERIODO/DURATA: 2019 - 2021 (30 mesi)

DONOR: AICS – Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo

 

Primo piano

Progetto Sud parteciperà ad EXCO 2019
20 Marzo 2019

Progetto Sud parteciperà ad EXCO 2019

Progetto Sud parteciperà ad EXCO 2019, la prima edizione della Fiera sulla Cooperazione Internazionale allo Sviluppo che si terrà alla Fiera di Roma dal 15 al 17 Maggio 2019.

MESA Examples of transformation
22 Giugno 2018

MESA Examples of transformation

Il nostro case study contribuisce alla prima serie di casi studio che evidenziano il contributo dei membri di #SOLIDAR per promuovere lo sviluppo sostenibile e la giustizia sociale in Europa e al di fuori di essa, come promosso dall’Agenda 2030.